IL MISTERIOSO SITO DEL PROF. GIUSEPPE FASSARI

Il fato dell'uomo nel tempo e nell'immaginario

La cellula

La cellula, mattone della vita, è alla base di ogni forma biologica.

Gli organismi da essa formati fanno parte di quella “sfera” (“involucro”) particolare della Terra che prende il nome di biosfera. È un’area che comprende tutto ciò che è vivente sulla superficie terrestre, nell’acqua (fin nelle più profonde depressioni marine) e nell’atmosfera (sopratutto nella troposfera).    

Tutti gli esseri viventi hanno queste caratteristiche: nascono da altri esseri viventi, crescono, invecchiano e muoiono. Inoltre si nutrono, scambiano gas con l’ambiente (ad es. ossigeno ed anidride carbonica), cambiano nel tempo cioè si evolvono, e soprattutto ricorrono alla  riproduzione  per dare vita a nuovi esseri viventi .     

Inoltre tutti gli esseri viventi sono costituiti da unità base, appunto le cellule, veri e propri “mattoni” della vita.

Ognuna di esse svolge al suo interno delle funzioni che riproducono in piccolo tutte le azioni fisiologiche dell’organismo. Noi siamo formati da miliardi di cellule.

In base alle caratteristiche e al numero delle cellule, gli esseri viventi si dividono in unicellulari se  costituiti da una sola cellula come alcune  alghe e i batteri, e pluricellulari, costituiti invece anche da miliardi di cellule come le piante e gli animali, compreso l’uomo. 

La cellula, mattone della vita, ha dimensioni da 1 a 100 micron (1 micron= 1 millesimo di mm cioè 1/1000 mm).

Le cellule degli esseri unicellulari vanno da 1 a 10 micron, quelle degli esseri pluricellulari da 10 a 100 micron.

Una cellula è formata da una membrana esterna chiamata membrana cellulare o membrana plasmatica o plasmalemma.

schema-di-cellula-animale-1024x833 La cellula
L’interno di una cellula eucariote (Animali)

All’interno della cellula si trova una sostanza gelatinosa detta citoplasma.      

Gli organuli della cellula

In esso ci sono poi numerosi organuli come i mitocondri, necessari per la respirazione, i lisosomi (per la digestione e la difesa) e il reticolo endoplasmatico (una serie di membrane che costituiscono una rete). Inoltre troviamo i ribosomi, formati da RNA ribosomale o rRNA (sintetizzano le proteine cellulari). Possono essere isolati, in gruppo (polisomi) o adesi all’esterno del reticolo endoplasmatico che nel qual caso si dice ruvido per distinguerlo dal tipo liscio (sintesi lipidi). Nel citoplasma c’è infine un nucleo.

In alcuni organismi poco evoluti il nucleo non è protetto da alcuna parete nucleare: si tratta dei Procarioti, gli esseri viventi più semplici e primitivi, unicellulari e privi di parete nucleare come i batteri e le alghe azzurre o Cianoficee.

Gli Eucarioti (Protozoi, funghi, piante, animali compreso l’uomo) sono esseri con cellule provviste di nucleo ed organuli cellulari.

Nel nucleo ci sono molecole composte da acidi nucleici, il DNA (acido desossiribonucleico) e RNA (acido ribonucleico). Quest’ultimo è soprattutto nel nucleolo.

Il DNA è sede dei geni, cioè della unità base della ereditarietà. Ogni essere vivente è  la manifestazione visiva del DNA.

Il DNA è una molecola in grado di duplicarsi  ma non visibile al microscopio ottico col quale è osservabile sotto-forma di bastoncelli, detti cromosomi, visibili nel nucleo durante la divisione cellulare o mitosi. Nella specie umana sono in numero di 46.

                                                                      

il mistero del fato: icona freccia top pagina